Yoani Sánchez bloccata dai filocastristi

dooooManifestazioni inscenate da gruppi filo castristi brasiliani hanno impedito la realizzazione del primo evento al quale avrebbe dovuto partecipare Yoani Sánchez, autrice del blog Generación Y. A Feira de Santana (Recife), gli organizzatori hanno dovuto sospendere la proiezione del documentario Conexión Cuba-Honduras, che comprende un’intervista alla Sánchez, perché militanti di alcuni partiti di sinistra hanno sabotato l’evento. Il documentario, diretto da Dado Galvao, parla della limitazione della libertà di espressione, mentre il regista fa parte di un gruppo di attivisti che da tempo cerca di far uscire la blogger dal suo paese. Cinquanta manifestanti hanno esibito cartelli in difesa del governo dei Castro, occupando la sala del Museo del Saber, dove il documentario avrebbe dovuto essere presentato, gridando slogan castristi al fine di impedire qualsiasi dibattito. Al grido di “Sánchez traditrice” e “Viva la Rivoluzione”, hanno impedito alla blogger cubana di parlare e hanno obbligato gli organizzatori ad annullare l’evento. I manifestanti esibivano bandiere del Partido de los Trabajadores (PT) e del Partido Comunista do Brasil (PCdoB).

Yoani Sánchez ha accettato di discutere con i manifestanti, ma le è stato permesso di pronunciare solo poche parole, quindi è stata di nuovo interrotta dalle grida. “Dopo aver taciuto per molto tempo, dopo aver vissuto in una società nella quale la maggioranza dei miei compatrioti aveva scelto di non parlare a voce alta, un bel giorno non ho resistito e ho deciso di creare un blog. Generación Y è il nome del blog, che racconta la vita quotidiana a Cuba. No ha slogan, perché non mi piacciono gli slogan”, ha detto Yoani Sánchez. Ha detto a coloro che l’accusavano di appoggiare l’embargo statunitense nei confronti dell’Isola che non è vero: “Potete cercare su Google il mio nome e troverete molte dichiarazioni favorevoli alla fine del blocco economico”.  Yoani ha aggiunto: “L’embargo è la causa di molti problemi. Io ho detto che per colpa dell’embargo ci sono molti servizi Internet che non possiamo usare, ma è anche vero che a Cuba non c’è un maggior accesso a Internet per decisione politica del governo cubano”.  Molti slogan ingiuriosi hanno accolto queste parole, i manifestanti hanno gridato a più riprese: “Venduta” e l’hanno accusata di ricevere finanziamenti dal governo statunitense.

A Salvador de Bahía l’accoglienza dei filocastristi non è stata migliore. Yoani è stata ricevuta da alcuni scalmanati che mostravano foto di Fidel Castro e Che Guevara, chiamandola “mercenaria” e “agente della CIA”. “Me lo aspettavo. Sapevo che tutto questo sarebbe potuto accadere, fin dal primo momento”, ha commentato Yoani in una sala del museo dove è stata condotta per allontanarla dai manifestanti. “Ho atteso un anno per venire a vedere la pellicola di Dado (Galvao), ma purtroppo mi è stato impedito”, ha aggiunto la blogger. Pare che L’Avana abbia messo in atto un piano per controllare tutti i passi della dissidente, diffamarla e boicottare le sue attività.

Gordiano Lupi – http://www.infol.it/lupi