Gordiano Lupi. Eliécer Avila, il primo dissidente cubano all’estero

elicer-c3a1vila-en-el-fuego1

Il giovane oppositore Eliécer Avila ha detto che il governo cubano continua a porre ostacoli a molti dissidenti che vogliono andare all’estero dopo la riforma migratoria approvata il 14 gennaio. Avila, che ha 28 anni, è partito sabato scorso per Stoccolma, in Svezia. Si tratta del primo dissidente che ha lasciato temporanemente l’isola approfittando delle nuove regole.  Il motivo della sua uscita è stato la partecipazione a un incontro sul futuro politico e sociale di Cuba, organizzato dal gruppo indipendente La Cubanada.“Il governo mantiene il diritto di far uscire chi ritiene opportuno”, ha detto Avila alla BBC. “Credo che adesso esista un contesto più ostile, a livello nazionale e internazionale, a una simile politica. In ogni caso a Cuba la repressione contro i dissidenti è ancora forte. Ci sono arresti arbitrari e la Sicurezza di Stato sorveglia giorno e notte chi ritiene pericoloso. Ma una volta guadagnato un briciolo di libertà sarà difficile togliercelo, anche se la strada è ancora lunga. So per certo che questa apertura porterà al governo cubano conseguenze non gradite, ma nessuno di noi modificherà il proprio pensiero soltanto perchè è stato lasciato libero di uscire”.  Tutti ricordiamo Eliecer Avila alle prese con Ricardo Alarcon, alcuni anni fa all’Università dell’Avana, quando mise in crisi il vecchio dirigente chiedendo il motivo per cui i cubani non potevano viaggiare. Alarcon, sorpreso dalla inattesa domanda, non trovò di meglio che dire: “Pure io non ho viaggiato molto. Vi immaginate che mondo sarebbe se tutti viaggiassero? Gli aeroporti sarebbero congestionati”. Non fu una bella figura per il governo. In compenso, adesso, almeno in quel settore, tutto sta cambiando. E Alarcon vede il pensionamento politico sempre più vicino.

  

Gordiano Lupi – www.infol.it/lupi