Corruzione e fallimenti

di NUOVACUBA

Il governo cubano ha deciso di terminare la produzione della più antica fabbrica di nichel dell’isola, la “René Ramos Latour”.

Le motivazioni sono da ricercare nell’incapacità di rendere economicamente sostenibile la produzione dopo il calo del prezzo di vendita del nichel sul mercato di riferimento. I prezzi del minerale sono passati sul mercato mondiale da 10,56 dollari per libra, nel secondo trimestre del 2011, a 7,88 dollari per libbra nel secondo trimestre del 2012.

Malgrado il costo della manodopera cubana sia uno dei più bassi del pianeta il governo non è riuscito a correre ai ripari modificando, snellendolo, il processo produttivo.

Sebbene il nichel sia una fonte economica di importanza strategica per il paese il comparto è stato messo in difficoltà da recenti e gravi eventi di corruzione.

Il 21 agosto la stampa cubana ha riferito che tre ex ministri e alti funzionari sono stati condannati a tra i 4 ei 12 anni di carcere per corruzione associate con l’espansione della fabbrica “Pedro Soto Alba” Moa, in collaborazione con il Canadian conglomerato Sherritt International.

Annunci