Yoani Sánchez perseguitata dalla Sicurezza di Stato

Il Canale 24 della televisione cilena ha realizzato un reportage sui nuovi media sociali a Cuba, e sulla presenza di dissidenti e oppositori in tali spazi. La giornalista Consuelo Saavedra ha intervistato la blogger Yoani Sánchez che ha parlato dell’accesso limitato a Internet, di censura e dei controlli pressanti sulla sua vita quotidiana. La sorveglianza della Sicurezza di Stato è parsa a tutti evidente, perché un cameraman della televisione cilena è riuscito a filmare un agente nel Parque Central, che controllava Yoani mentre concedeva l’intervista. Yoani chiama i vigilanti le sue “ombre lunghe”, afferma che “la sorveglianza sulle persone è costante” e che il solo luogo dove si ente sicura è in mezzo alla gente. La televisione cilena ha documentato con immagini la presenza del poliziotto che ha sorvegliato la conversazione parlando con un telefono portatile, che teneva nascosto in una borsa di plastica. La giornalista Saavedra ha intervistato Aldo del gruppo hip hop underground cubano “Los Aldeanos” e a Silvito “El Libre”, figliop del cantante cubano Silvio Rodríguez, ma anche il giornalista a favore del regime Iroel Sánchez.

Gordiano Lupi

http://www.infol.it/lupi

Annunci